Adattamento sostenibile: Markt Kaufering (DE)

Impianto di cogenerazione a legna

L’alta percentuale di conifere (abete rosso) e gli elevati input di sostanze inquinanti hanno portato ad uno sviluppo sfavorevole del suolo nelle foreste. L’acidificazione del suolo, la bassa qualità delle forme di humus, la ridotta popolazione di lombrichi e la scarsa capacità del suolo di resistere alle condizioni meteorologiche estreme ne sono le principali conseguenze.

Al fine di contrastare questi problemi, cinque comuni del Landsberg e alcuni proprietari di terreni hanno deciso di collaborare attraverso concetti di adattamento sviluppati individualmente fino al 2050. L’obiettivo è il miglioramento delle condizioni del suolo al fine di aumentarne l’efficienza, smorzando quindi gli effetti dei cambiamenti climatici e degli eventi meteorologici estremi connessi.

L’obiettivo scelto è la conversione delle foreste verso una gestione forestale permanente. Sono state selezionate determinate specie arboree al fine di incrementare la qualità dei suoli. Allo stesso modo, colture a rotazione sono utilizzate su terreni agricoli per favorire lo sviluppo di adeguati servizi ecosistemici. Diversi studi hanno dimostrato che, al fine di ottenere una buona produzione di biomassa e un’alta qualità dei servizi ecosistemici offerti, l’efficienza del suolo deve essere mantenuta possibilmente inalterata.

Un suolo sano, con una buona quantità d’acqua disponibile per le piante, è in grado di produrre più biomassa durante la stagione vegetativa. Allo stesso tempo è in grado di fornire feedback positivi al sistema climatico attraverso una maggior evapotraspirazione. Ciò è di fondamentale importanza in quanto può portare ad un aumento delle precipitazioni, smorzando anche l’incremento delle temperature atmosferiche. La seguente relazione viene utilizzata per rappresentare l’importanza di un suolo funzionante in questo ambito: aumento prestazioni del suolo = aumento della biomassa = aumento del rendimento dell’ecosistema. Al contrario, l’incremento dei fenomeni meteorologici estremi causato dai cambiamenti climatici in corso potrebbe portare (a lungo termine) al collasso della produzione di biomassa e quindi al deterioramento delle prestazioni degli ecosistemi. Pertanto, diventa fondamentale un’azione concreta.

Il problema principale, al momento, è la scarsa efficienza economica dovuta al basso costo dell’energia da fonti fossili e al basso prezzo della materia prima “legno”, il che certamente non incentiva i proprietari di terreno a convertire le proprie foreste alla gestione forestale permanente. Ulteriore ostacolo è rappresentato dalla moderna economia occidentale, che si basa fortemente su materie prime di origine fossile. Diventa quindi sempre più urgente incentivare il miglioramento dei servizi ecosistemici. Dopotutto, servizi importanti come il controllo della salute e dell’erosione non possono essere gestiti esclusivamente attraverso una mera logica monetaria.

Profili di suolo forestale_Inglese -PDF